Cronache di Marketing

LE INTERVISTE ” SUL CAMPO” AI PROFESSIONISTI DI KOM

“Abbiamo volutamente lavorato con micro-influencer, profili non particolarmente grandi ma con un’alto tasso di engagement”.

GIULIA ONGARO

KOM | Marketing Specialist

Giulia, com’è stata improntata la scelta delle micro-influencer?

Premesso che i prodotti da veicolare erano per la pelle (dermatite atopica e seborroica) abbiamo coinvolto delle influencer attive sul canale Instagram e ci siamo focalizzati sulle mamme, questo perché la dermatite atopica colpisce la maggior parte dei bambini in tenera età. La selezione è stata fatta attraverso l’uso di strumenti (software) di analisi profili Instagram delle influencer, per valutare reach ed engagement, oltre alla valutazione della capacità fotografica. Questo perché poi tutti i materiali realizzati dalle influencer sano stati effettuati dal canale Instagram dell’azienda.

Fatta la selezione abbiamo contattato le influencer e inviato dei kit dei prodotti per questa dermatite. Questo per farlo testare sui loro stessi bambini.

Però non tutti i bambini soffrono di dermatite.

Vero. Eppure, anche se non tutti i bambini soffrissero di dermatite, volevamo fare passate il messaggio che le creme sono indicate per le pelli dedicate e allo stesso tempo possono essere utilizzate per le mamme stesse, perché adatte per le pelli secche e particolarmente nutrienti. Non avevamo un unico target quindi, ma un pubblico più ampio che comprendesse bambini, mamme o persone che avrebbero potuto riconoscersi in un determinato bisogno.

La crema ha anche scopo preventivo e i bambini nel complesso erano il target migliore per veicolare i prodotti selezionati.

Parlami dell’organizzazione del lavoro.

Il lavoro delle influencer è stato suddiviso in quattro mesi per un totale di sette profili. Le mamme selezionate erano sia persone che di lavoro fanno le influencer legate al settore fashion – piuttosto che al food – ma anche una dottoressa dietista che ha saputo dare un importante feedback in termini di accesso al sito e vendite. La scelta di un determinato profilo di infuencer è importante, poiché aiuta a migliorare la percezione del brand agli occhi degli utenti.

Questo per dimostrare che non conta solo il numero di followers; tramite un’indagine approfondita, infine, abbiamo potuto portare dei risultati grazie all’utilizzo di codici coupon personalizzati – dati a ciascun influencer affinché li condividesse con i propri follower.